Cinghialina Fina - Copia
GEAPRESS – Vietare i ripopolamenti venatori; condurre accurati censimenti scientifici per valutare la consistenza delle popolazioni; applicare i metodi ecologici obbligatori per legge, gli unici realmente efficaci nella gestione faunistica; fermare una volta per tutte il mercato nero della carne di cinghiale. Sono questi i punti principali del documento tecnico-strategico che l’Ente Nazionale Protezione Animali ha inviato a tutte le regioni italiane. Si tratta, spiega la Protezione Animali, di un vero e proprio vademecum che descrive le politiche da attuare sul territorio per affrontare in modo risolutivo la “questione cinghiali”.

Metodi scientifici, senza quegli inutili allarmismi che stanno portando sindaci ad emettere ordinanze di abbattimento, illegali e insensate.

Provvedimenti – spiega Andrea Brutti, dell’Ufficio Fauna Selvatica di Enpa – basati su urgenze prive di riscontro con la realtà, frutto probabilmente di disinformazione; una mancanza, questa, estremamente grave per le pubbliche amministrazioni che dovrebbero invece governare il territorio con cognizione di causa. L’obiettivo del nostro documento è dunque quello di spingere gli amministratori a comportamenti e scelte politiche di buonsenso evitando di autorizzare gli spari contro tutto ciò possa essere percepito esageratamente e grossolanamente come pericolo, il quale è causato da comportamenti scorretti dell’uomo“.

Secondo l’ENPA le uccisioni, oltre ad essere eticamente inaccettabili, producono il risultato opposto, causando un incremento delle popolazioni dovuto ad una dispersione del branco sul territorio e ad un conseguente aumento del potenziale riproduttivo delle femmine. Bisogna pertanto prendere atto del fallimento degli abbattimenti selettivi quale strumento di gestione faunistica – se fossero stati realmente efficaci, non vivremmo certo in uno stato di perenne allarmismo –prevedendo invece interventi mirati quali il divieto di commercializzare cinghiali vivi; il controllo sugli allevamenti abusivi (di cinghiali); il divieto di allevare suidi allo stato brado (si riproducono con i cinghiali); la messa al bando dei ripopolamenti venatori.

Come evidenziamo nel nostro documento – prosegue Brutti – il punto è che sulla pelle dei cinghiali fiorisce un vero e proprio business, più o meno legale. Per avere contezza del fenomeno basta consultare le pagine di numerosi siti internet. Da questo punto di vista indurre la popolazione, male informata sull’argomento, a ritenere che lo sterminio sia una pratica risolutiva, può essere funzionale a tali interessi economici nonché al tentativo dei cacciatori di trovare un senso alla loro pratica barbara e anacronistica“.

Sul tema, ricorda la Protezione Animali, è intervenuto anche il Governo il quale, con una risoluzione del 2014, ha motivato scientificamente non solo l’inutilità ma la dannosità degli abbattimenti, sotto forma di caccia o di “selezione” Tale documento deve essere condiviso dalle amministrazioni e, per dovere di informazione, anche dai cittadini. “Si esca finalmente da una gestione “venatoria” – conclude Brutti – della fauna e si adotti una strategia d’azione complessiva e razionale. Basta con interventi finalizzati a compiacere una categoria sempre più esigua sacrificando il bene comune“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati