wurstel carne
GEAPRESS – “Bisogna che istituzioni, associazioni di categoria e portatori di interesse prendano atto con serenità e pacatezza del “verdetto” emesso dall’OMS, che per noi vegetariani e vegani non rappresenta affatto una novità”. Lo ha affermato la presidente nazionale dell’ENPA Carla Rocchi dopo l’odierna comunicazione dell’International Agency for Research on Cancer dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (vedi comunicato dell’Agenzia).

Secondo la Protezione Animali è inutile e pretestuoso arroccarsi in una interessata difesa delle posizioni dei produttori di carne. Come è noto l’OMS ha messo in evidenza in primo luogo il ruolo delle carni cosiddette processate (gruppo I), estendendo poi le considerazioni sulle probabilità anche in merito alle carni rosse.

Quanto riferito dall’OMS era al di vero già da tempo oggetto di studi i cui risultati erano stati pubblicati. L’ENPA sottoliena altresì le posizioni del professore Umberto Veronesi e dal dottor Franco Berrino dell’Istituto Nazionale dei Tumori.

A questo punto – ha aggiunto la presidente dell’ENPA – tutti noi ci aspettiamo che le istituzioni prendano atto “rivoluzione copernicana”, una vera rivoluzione verde, e che promuovano senza più alcuna riserva mentale l’alimentazione non carnivora, favorendo l’abbandono di stili di vita nocivi per gli animali, per gli uomini, per il pianeta».! !

Alla luce di ciò – conclude Rocchi – risulta ancora più incomprensibile e inaccettabile che qualcuno pensi di incoraggiare il consumo alimentare della carne delle specie selvatiche”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati