gatto nero
GEAPRESSI Carabinieri della Stazione di Carloforte lo hanno tratto in arresto in flagranza di reato con l’accusa di violazione di domicilio aggravata e minaccia aggravata. L’uomo, infatti, si sarebbe sentito esasperato dalla stessa situazione per la quale, già nei giorni scorsi, era stato denunciato.

Il tutto verte sulla presenza di una colonia di gatti randagi accuditi da una vicina di casa. La stessa sarebbe stata minacciata per la strada, brandendo due coltelli da cucina. La donna, però, riusciva a scappare ed una volta rinchiusa in casa avvisava i Carabinieri. L’uomo, a quanto sembra dopo vari tentivi, sfondava la finestra della camera da letto entrando nell’abitazione della vittima dove veniva però bloccato dai militari di Carloforte i quali, conoscendo la situazione esplosiva, arrivavano in tempi brevissimiivi, traendolo in arresto.

Secondo l’Arma dei Carabinieri, essendo i fatti occorsi più volte nei giorni scorsi, all’arrestato veniva anche addebitato il reato di atti persecutori. L’uomo avrebbe riferito di essere esasperato dalla presenza costante dei gatti che, a suo dire, urinando  gli avevano rovinato nel tempo alcune piante. Agginungeva inoltre che il cattivo odore era stato segnalato da altre persone alla Polizia Municipale.

La vicenda, però, era più complicata del previsto. La donna, infatti, lo avrebbe denunciato per maltrattamento di animali dopo che era stato tolto il cibo alla colonia di gatti randagi accuditi giornalmente. In un contesto destinato a non esaurisi l’uomo avrebbe inoltre depositato le feci dei gatti sui gradini di casa della donna la quale sporgeva denuncia contro ignoti che,  in più occasioni, avrebbero rubavano numerose vaschette di polistirolo per i croccantini dei gatti.

L’uomo ha trascorso la notte presso la camera di sicurezza della Compagnia dei Carabinieri di Carloforte in attesa del rito per direttissima.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati