copertoni
GEAPRESS – La Regione per antonomasia dell’emergenza rifiuti. Strade  cittadine sommerse di sacchetti e fumarole nere in campagna. Poi le mastodontiche quantità di prodotti di scarto anche industriale che si presume siano stati smaltiti in maniera illegale. Eppure ancora oggi la Campania è importatrice ufficiale di rifiuti. Non solo rifiuti speciali, ma anche quelli urbani pericolosi.

A cercare di tamponare quello che appare quasi  come un paradosso, è ora il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando. Suo, infatti, un emendamento al Disegno di Legge per la conversione del Decreto legge 21 giugno 2013 n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia. L’emendamento introdurrebbe il divieto ad importare nella Regione Campania rifiuti speciali ed urbani pericolosi. Divieto che sarebbe solo temporaneo e comunque limitato a quelli destinati per lo smaltimento.

Una situazione che rende opportuno, secondo il Ministero, impedire che il “peso” dei rifiuti speciali e di quelli urbani pericolosi nella Regione sia aggravato dal carico di quelli importati.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati