GEAPRESS – Lupi che arriveranno tra le case della pianura padana e cacciatori che sconsigliano di andare in primavera con i figli nei boschi. E’ l’ultimo taglio di taluni articoli di stampa che periodicamente ripropongono vecchi schemi sul lupo cattivo. “Consigli” rilasciati in ambito venatorio, ovvero anche da parte di chi ha con il lupo qualcosa in comune. Cacciare le stesse prede.

Chi non ci sta alla visione favolistica, sono però gli esperti che i lupi li soccorrono e li studiano. “Sulla pericolosità delle passeggiate in natura – riferisce a GeaPress Mirca Negrini, Responsabile del Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica Monte Adone (BO) – starei attenta ai luoghi dove è aperta la caccia che non a quelli dove è presente il lupo. Questo anche alla luce dei recenti fatti di cronaca che hanno riportato raccoglitori di funghi o persone in mountain bike, finite impallinate e non certo aggredite dai lupi“.

Recentemente un lupo sembrerebbe essere stato avvistato in via Emilia ad Osteria Grande, in provincia di Bologna. A spiegare il fenomeno sono stati chiamati i cacciatori che hanno finanche sconsigliato di fare passeggiate in natura quando i lupi hanno le cucciolate.

Una preoccupante escalation dunque, ma non quella del lupo. Allarmi ingiustificati che andrebbero quantomeno verificati alla luce del fatto che nessun caso certo di aggressione di lupo all’uomo è stato registrato e non solo in Italia. Purtroppo non si può dire il contrario, ovvero dell’uomo nei confronti del lupo.

Forse sarebbe il caso di ricordare – ha aggiunto Mirca Negrini – come il lupo si comporta dove c’è sempre stato, ad esempio nell’Appennino centrale. Anzi l’istituzione dei Parchi e del divieto di caccia che ne è conseguito, ha contribuito ad aumentare, oltre che i lupi, anche la risorsa dell’escursionismo naturalistico ed in generale la fruizione della natura. Non mi risulta che ci siano stati problemi con l’uomo aggredito dal lupo“.

Forse, a completare la spiegazione venatoria ci mancava solo la piccola protagonista: Cappuccetto Rosso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati