GEAPRESS – Purtroppo non è la prima volta che capita, ed il nuovo ritrovamento di una lontra, animale raro e protetto dalla legge, purtroppo morta investita, impone nuovi provvedimenti per la sua tutela. A sottolineare la gravità di quanto accaduto e Matteo Visceglia, Responsabile del Centro Recupero della Riserva di San Giuliano, in provincia di Matera.
 
La lontra è stata trovata lungo la strada statale 106 Jonica, nel tratto interessante il Comune di Pisticci. Da rilevare come l’area umida più vicina, ovvero il fiume Basento, dista più di 600 metri dal luogo del ritrovamento. Trattasi di un luogo non di natura selvaggia, tale da riuscire a riservare l’habitat ideale per la lontra, bensì di campi intensamente coltivati. Come area naturale, vi è solo una sottile striscia di vegetazione igrofila, proprio lungo il fiume.

Gli enti, sia regionali che provinciali, dovrebbero, ad avviso del Centro di Recupero, favorire e finanziare interventi di studio e monitoraggio che consentano di definire anche un piano di intervento e metodologie di raccolte dati da utilizzare, ad esempio, nel recupero di animali rinvenuti morti.

Un coordinamento, cioè, che consenta di individuare l’esatto status della rara lontra in quelle poche aree, tra cui alcune del sud Italia, che ormai costituiscono la roccaforte dell’animale nel nostro paese. In Basilicata, negli ultimi tempi, vi sono stati recenti e positivi avvistamenti. Il ritrovamento della lontra, è avvenuto l’altro ieri.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati