GEAPRESS – Gestione illecita di rifiuti speciali e disastro ambientale. Questi i reati che saranno contestati agli autori di quello che i Carabinieri del NOE di Ancona definiscono uno “scempio”. Centinaia di tonnellate di rifiuti speciali sversati in mare nel tratto di costa antistante la località di Marina di Montemarciano, in provincia di Ancona.

A scoprire, nella mattinata del 15 ottobre, lo “scempio” I Carabinieri del NOE di Ancona, nell’ambito dell’inchiesta sui ripascimenti della costa marchigiana, intervenuti con l’ausilio dei Carabinieri Subacquei dello speciale Nucleo di Roma che si sono immersi nel tratto di mare interessato. Nei fondali la scoperta dei rifiuti speciali costituiti principalmente da inerti da demolizione, tondini in acciaio e coperture di cemento.

Il sospetto dei militari è che i rifiuti in questione siano stati utilizzati inizialmente per allestire alcune strade onde raggiungere più agevolmente, con i mezzi pesanti, i tratti della costa interessati dai lavori di ripascimento e poi, al termine degli stessi, siano stati sversati in mare per evitare gli alti costi di smaltimento nelle discariche autorizzate allo scopo.

I Carabinieri del NOE ed i Subacquei continueranno anche nei prossimi giorni l’attività di mappatura della zona con l’ausilio di speciali apparecchiature satellitari, anche al fine di evitare eventuali rischi per le imbarcazioni che dovessero transitare nei pressi della scogliera di Marina di Montemarciano. I fondali verranno invece filmati al fine di meglio valutare i danni arrecati all’ambiente, peraltro ad oggi incalcolabili a causa dell’entità del fenomeno.

Al più presto si inizierà l’opera di bonifica dell’intera area, estesa circa 500 metri quadrati, che nel frattempo è stata posta sotto sequestro penale. Essa comprende anche un tratto di scogliera di circa 50 metri di estensione.

I Carabinieri del NOE di Ancona hanno già individuato i responsabili che, quindi, saranno denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona per gestione illecita di rifiuti speciali e disastro ambientale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati