avorio elefante
GEAPRESS – Un tribunale dello Zimbabwe ha ieri condannato tre bracconieri di elefante a numerosi anni di carcere per l’avvelenamento e l’uccisione 81 elefanti. Lo ha reso noto la radio di Stato ripresa poi dall’Agenzia AFP.

In particolare un uomo di 25 anni, tale Diyane Tshuma, dovrà scontare  16 anni di carcere essendo risultato colpevole dell’uccsione di alcuni elefanti per avvelenamento da cianuro avvenuta nello Hwange National Park, nella parte occidentale dello Zimbabwe. Altri due bracconieri, Robert Maphosa di 42 anni  e Thabani Zondo di 24, sono stati invece condannati a 15 anni di carcere ciascuno.

Secondo le autorità dello Zimbabwe, il verdetto rappresenterà un valido deterrente per gli aspiranti bracconieri. Alle pene reclusive si aggiungono anche le multe di 600 e 200 mila dollari che dovranno essere versati allo Zimbabwe Wildlife and Parks Authority.
I tre farebbero parte di una banda di nove persone accusate di avere avvelenato alcune pozze d’acqua.Secondo le autorità dello Zimbabwe, in quel paese rimangono circa 120.000 elefanti, quasi un quinto dell’intera popolazione africana.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati