topi vivisezione
GEAPRESS – Pareri divergenti tra le associazioni in merito alle modifiche peggiorative in tema di sperimentazione animale che sarebbero ora considerate nella bozza di decreto legislativo con il quale il Governo si appresta a recepire la Direttiva europea del settembre 2010.

In un comunicato diffuso stamani dalle associazioni afferenti alla federazione presieduta dall’On.le Brambilla, si denuncia un vero e proprio cambiamento delle “carte in tavola”. Secondo Enpa, LAV, Lega del Cane, Leidaa, Oipa, con la Federazione Associazioni Diritti Animali e Ambiente il Governo attuale starebbe “calpestando i principi e i criteri di legge per la ricerca innovativa che nei mesi scorsi erano invece stati approvati nella bozza voluta dal Parlamento“.

Gravi modifiche, denunciano le associazioni, secondo le quali se il Governo perseguirà su questa strada, andrà incontro al pronunciamento di invalidità ai sensi dell’articolo 76 della Costituzione sulle deleghe legislative. In altri termini, il Parlamento ha detto una cosa e il Governo ne avrebbe fatta un’altra. A supporto della loro tesi le associazioni che ora si scagliano contro il Governo Letta, allegano il testo di Delega al Governo per l’attuazione delle Direttive Comunitarie.

C’era però chi ancor prima dell’approvazione finale di tale testo da parte del Parlamento, aveva annunciato la fallacità di quanto riportato.  Un  rischio, ricorda oggi un comunicato dell’UGDA, che la direttiva europea 63/2010 potesse essere approvata nei termini più funesti per gli animali. L’UGDA, infatti, aveva già da tempo sottolineato le stesse perplessità criticando l’incosistenza delle proposte riferite positive dalle altri componenti animaliste.

Alcune associazioni – riferisce Paola Suà, presidente di UGDA – avevano persino inneggiato a una vittoria che noi abbiamo sempre difinito di Pirro. Una battaglia che abbiamo condotto assieme alla LEAL ed a pochissimi altri. Il tempo ci da ora ragione“. Una tiratina di orecchie, forse, a chi cantava vittoria. “Mi appello – ha concluso il comunicato dell’UGDA – a tutte le grandi e piccole associazioni affinchè prendano almeno ora e unite una fortissima posizione perchè gli animali e i cittadini che li amano meritano molto di più di tiepide battaglie che scontentano tutti tranne, probabilmente, i vivisettori”!

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati