vino e tigre
GEAPRESS – Un cucciolo di tigre è stato trovato ieri dalla  Polizia Ambientale di Ho Chi Minh, immerso nel vino.  Il preparato al quale la medicina orientale attribuisce poteri tonificanti, è stato posto sotto sequestro in un magazzino di una società della città a sud del paese.

Oltre al cucciolo di tigre nel vino, la Polizia Ambientale congiuntamente ai funzionari del Dipartimento protezione delle Foreste, ha rinvenuto colla di osso di cavallo, più altri animali selvatici anch’essi immersi nel vino.  Le autorità hanno confiscato i prodotti ed avviato le indagini per accertare ulteriori responsabilità ed i luoghi di provenienza dei resti di animali.

Il Vietnam, ma anche altri paese dell’estremo oriente, annovera numerosi prodotti a base di parti di animali che rientrano nell’elenco dei preparati  medicamentosi. Tra questi, cartilagine di squalo, scaglie di pangolino, ossa di felini, polvere di corno di rinoceronte, carne di cane, per non parlare della famosa bile di orso.

Alcuni di questi prodotti, come in alcuni casi ribadito dalle autorità sanitarie ufficiali, sono del tutto privi di ogni effetto sulla salute dell’uomo. In altri, come per la bile di orso, i principi attivi che si ricavano sono ormai ottenibili da procedimenti di sintesi chimica.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati