guarida costiera
GEAPRESS – Dal 14 al 18 ottobre 2013, gli uomini e le donne della Guardia Costiera Viareggio sono stati impegnati in una complessa operazione nell’operazione di controllo alla filiera della pesca denominata “SWOR FISH”.  L’operazione, condotta a livello regionale, è stata coordinata dalla Direzione Marittima di Livorno sotto la supervisione del Contrammiraglio Arturo Faraone.

Undici militari della Capitaneria di Porto di Viareggio,  hanno eseguito  controlli  in città e nelle Versilia in generale oltre che  nell’entroterra delle  province di Lucca e Pistoia. Quarantanove le ispezioni distribuite tra la grande distribuzione, pescherie, ambulanti e alberghi/ristoranti. I  verbali amministrativi sono stati diciannove  per un totale di  28.000 euro. Centonovanta il pescato sotto sequestro.

Gli illeciti contestati hanno riguardato la mancanza di documenti di rintracciabilità dei prodotti o la mancata esecuzione della corretta procedura per la conservazione del pesce. Illeciti anche nella vendita di prodotti oltre la data di scadenza o esposti alla vendita senza l’indicazione delle informazione obbligatorie al consumatore quali: nome del pesce, zona di pesca,  metodo di produzione pescato/allevato, fresco/congelato.

La Capitaneria di Porto sottoliena a questo proposito l’attività preventiva di controllo effettuata nei mesi precedenti all’operazione. Un impegno che ha dato ora  i suoi frutti. Alcuni esercizi commerciali che erano già stati sanzionati per tali violazioni sono ora regolarizzati nel rispetto delle disposizioni.

L’attenzione, tiene a precisare la Guardia Costiera,  rimarrà alta anche nei prossimi giorni e ogni comportamento illecito, registrato dai cittadini, potrà essere segnalato al numero 1530 gratuito da telefono fisso e cellulare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati