segugio
GEAPRESS – Ribadito a voce grossa: non si affida a cacciatori. Bruno, due anni di vita orribile, è stato sequestrato da agenti del Corpo Forestale dello Stato a seguito di denuncia della LAV.

Il segugio istriano, riferisce la LAV di Verona, viveva legato ad una corta catena dentro una baracca in mezzo ai campi e tra i suoi escrementi. Inutilizzato per l’attività venatoria perché inadatto, il cacciatore suo proprietario lo avrebbe così affidato   alla riproduzione.  Una squallida esistenza, commenta la LAV di Verona, fatta di privazioni: cibo buttato direttamente sulla terra e acqua putrida in un pentolino.

Bruno è ora pronto per una famiglia che lo ami per sempre. Ha un carattere affettuoso, dolcissimo e pieno di voglia di vivere.

Cerchiamo per lui una casa – riferiscono dalla LAV di Verona – in cui ci sia tempo da dedicargli, in cui venga portarlo a correre e fatto giocare, cerchiamo qualcuno che lo consideri a tutti gli effetti membro della sua famiglia”.

Bruno viene affidato sterilizzato, vaccinato e microchippato, previo incontro con i possibili adottanti e controllo pre adozione.

Questi la mail per l’adozione: giazan17@gmail.com

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati