Aveva sentito tutta la notte un animale lamentarsi, ma non riusciva a capacitarsi della provenienza. Intervenuta la forestale l’incredibile sorpresa. Dentro il bagagliaio della macchina di un bracconiere, vi era un cinghiale morto. Impigliato tutta la notte da un laccio-trappola di acciaio ad una zampa, il cinghiale è morto dopo ora di agonia. Recuperato infine dal bracconiere era stato rinchiuso nel bagagliaio della macchina, fino alla scoperta della forestale. L’uso di lacci (vedi articolo GeaPress), vietati dalla legge, determina spesso la morte dell’animale dopo ore di agonia. In alcuni casi l’animale, nel disperato tentativo di liberarsi, arriva ad amputarsi l’arto.