guardia costiera
GEAPRESS – Intervento della Guardia Costiera di Venezia, Chioggia, Caorle e Jesolo, nell’ambito dell’operazione nazionale denominata “Labyrinth” mirata al contrasto della commercializzazione del pescato non conforme alla legge.

Nell’arco delle settimane comprese tra dicembre e gennaio, in varie aziende venete e lombarde, sono stati effettuati 629 controlli ed elevate 67 sanzioni amministrative un totale di 108732,68 euro. Ad essere state inoltrate alla competente Autorità Giudiziaria sono invece 7 denunce, mentre 16 sono i sequestri per un totale di 25.318,87 chilogrammi di pescato rinvenuto presso mercati ittici, esercizi commerciali e piattaforme alimentari.

Quanto all’oggetto del sequestro, comunica la Guardia Costiera, e’stato rinvenuto in cattivo stato di conservazione o non conforme alle norme comunitarie, e pertanto pericoloso per il consumatore finale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati