NAS
GEAPRESS – Nel corso dei controlli eseguiti in più province del Veneto dal NAS di Treviso, sono state poste sotto sequestro ben tredici vasche-acquario contenenti un totale di 1.400 piccoli pesci esotici della specie “Garra Rufa“.

Le vasche erano utilizzate in tre strutture del veneziano, di cui 2 risultate abusive, per il cosiddetto “fish pedicure”. Si tratta, come è noto, di una pratica tradizionale dei paesi asiatici ma non compresa tra quelle ammesse nel territorio nazionale. I pesciolini, quando vengono a contatto con la pelle umana, sono soliti mangiare le parti desquamate.

I  controlli del NAS di Treviso erano tesi a monitorare la regolarità dei centri estetici ed hanno portato in tutto all’ispezione di 12 strutture. L’attività ha riguardato le province di Treviso, Venezia e Belluno. In 11 casi sono state riscontrate delle irregolarità.riscontrando irregolarità in 11 casi.

In particolare, i militari hanno proceduto al sequestro amministrativo sia di 7 attività (di cui 5 gestite da cittadini cinesi) prive delle prescritte autorizzazioni e condotte da personale non abilitato, sia – presso altri 2 centri – di 4 locali abusivamente utilizzati come cabine estetiche e 5 apparecchiature “solarium” non autorizzate.

Complessivamente, ai contravventori sono state elevate sanzioni amministrative per un ammontare di oltre 14mila euro. Il valore delle attività sequestrate è pari a circa 1milione e 500mila euro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati