moria di pesci
GEAPRESS – Il Commissario Ue all’Ambiente risponde all’eurodeputato Andrea Zanoni: Bruxelles attende l’esito dell’inchiesta italiana prima di intervenire.

La Commissione non era stata informata della recente moria di pesci a Venezia. Prende atto dell’iniziativa della Procura veneziana di avviare un’inchiesta e ne attende l’esito per valutare se saranno necessari ulteriori interventi”. Questa  la risposta del Commissario Ue all’Ambiente Janez Potočnik all’interrogazione di Andrea Zanoni, eurodeputato ALDE e membro della commissione ENVI Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo. “Va fatto il possibile – ha dichiarato l’On.le Zanoni – per scongiurare l’effetto domino per l’ecosistema e ogni rischio per la popolazione, compreso il proliferarsi di alghe potenzialmente pericolose. Inoltre vanno prese in considerazione anche le cause più globali come il cambiamento climatico, eventualità che richiede delle risposte su scala europea”.

Ad avviso dell’Europarlamentare non bisogna prendere sotto gamba quanto accaduto. A rischio c’è l’intero ecosistema della laguna e la salute di veneziani e turisti. Zanoni aveva denunciato a Bruxelles le migliaia di pesci morti galleggianti trovati in laguna dalla notte fra venerdì 19 e sabato 20 luglio

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati