maialino thailandese
GEAPRESS – Un’altra maialina è stata ieri catturata in località Fusina (area Solvay) dagli Agenti della Polizia Provinciale. E’ la seconda catturata  e sempre nella stessa località (vedi articolo GeaPress).

Una femmina di circa 80 chili che, attratta dalle mele, è entrata  nella gabbia predisposta dagli Agenti provinciali. Scattata la chiusura, l’animale è stato catturato in sicurezza. Nessuna ferita per il suino, come già avvenuto durante la precedente cattura. E’ iniziato così  il trasferimento presso la Fattoria Didattica “Papaveri e Papere”,  a Santa Maria di Sala. Si trova ora in un idoneo  recinto dove ha perlatro ritrovato l’altro mailino catturato il mese scorso.

Secondo la Polizia Provinciale nella zona vi sarebbero diversi maiali che creano pericolo agli automobilisti. Questo perchè, riferisce sempre la Polizia Provinciale,   attraversano improvvisamente la strada. Poi le colture orticole di cui si cibano.

Si ricorda che l’attività si è resa possibile grazie ad un’apposita Ordinanza sindacale che di fatto ha autorizzato la Polizia Provinciale a predisporre dei servizi mirati, mediante apposizione di una grande gabbia/trappola che viene giornalmente alimentata con delle mele. Anche in questo caso ci sono voluti  4 operatori per riuscire a sollevare l’animale e caricarlo sul furgone senza fargli alcun male.

L’assessore alla polizia provinciale Giuseppe Canali ha voluto così ringraziare nuovamente i proprietari della fattoria didattica. “Si sono resi disponibili – ha dichiarato l’Assessore – ad accogliere il suino. Quello della cattura senza danno è un bell’esempio di come la pubblica amministrazione, in particolare la Polizia Provinciale, riesca a svolgere il proprio ruolo eliminando un pericolo senza procedere con l’abbattimento, e garantendo all’animale spazi adeguati dove vivere. Quando ci sono le condizioni favorevoli, i nostri agenti perseguono sempre questo obiettivo primario“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati