andrea zanoni
GEAPRESS  – Duro commento di Andrea Zanoni, eurodeputato ALDE e vice presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo, all’iniziativa  “Giovani a caccia di esperienze” patrocinata dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Treviso in collaborazione con i cacciatori.

Dal commento di Zanoni è chiaro come la cosa deve essere sembrata inaccettabile, visto che il luogo prescelto è addirittura la scuola.  La Regione viene ora accusata di “istigare” i ragazzi a uccidere la fauna selvatica. “Chiederò sia alla Regione che alla Provincia di Treviso – ha dichiarato l’On.le Zanoni – se e quanto sia stato stanziato per appoggiare questa campagna”.

Zanoni, a proposito di insegnamenti, richiama altresì i recenti e numerosi incidenti di caccia. Il riferimento, ovviamente, è alla pericolosità della caccia. “Dal primo novembre già nove feriti – rincara la dose Zanoni – Invito i presidi ad impedire ai cacciatori l’ingresso nelle scuole. La cultura delle armi deve rimanere fuori dalle scuole.”.

L’eurodeputato si scaglia anche contro la Regione Veneto e la Provincia di Treviso che hanno appoggiato questa iniziativa. A suo avviso una ulteriore dimostrazione del sospetto di  connivenza con la lobby dei cacciatori. “Non è ormai una novità vista anche la condanna della Corte di Giustizia europea per la caccia in deroga in Veneto in violazione della Direttiva “Uccelli” la 2009/147/CE. Ma permettere l’ingresso dei fucili nelle scuole è scandaloso e irresponsabile. Invito questi amministratori a sponsorizzare iniziative come quella della LAV a Verona che con il premio Piccole Impronte ha promosso una corretta educazione dei bambini nei confronti degli animali e di ogni essere vivente

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati