cervo stalla
GEAPRESS – Forestali che provvedono a sfamare i cervi nel bellunese (vedi articolo GeaPress) e cervi che si rifugiano nelle stalle (foto coldiretti).

Accade tutto nel bellunese. Gli ungulati, infatti, si sono trovati in serie difficoltà a causa della spessa coltre nevosa che ha costretto, nel caso della stalla vicino Cortina, il grosso maschio di cervo a trovare riparo tra galline e bovini. Secondo la Coldiretti, sono però una trentina i cervi che si rifocillano presso il fienile aziendale. Note più distese di un quadro che nelle scorse ore è poi apparso in tutta la sua drammaticità.

Sempre secondo la Coldiretti sono già duemila i pulcini annegati nel padovano mentre a rischio sarebbero ben 30 mila polli e un migliaio di tori. Tutti nelle stalle che si sono allagate nei giorni scorsi. La stessa associazione degli agricoltori ha imputato il tutto ai cambiamenti climatici, ma anche all’aggressione del cemento. Secondo le stime ora diffuse dagli agricoltori veneti si tratterebbe di 2,15 milioni  di ettari sottratti alle terre coltivate. Il cemento, hanno riferito gli agricoltori, avanza al ritmo di 288 ettari al giorno, equivalenti grossomodo a 400 campi di calcio.

Una situazione delicata anche alla luce delle  previsioni meteo che annunciano ancora piogge nelle zone alluvionate.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati