tartaruga 2
GEAPRESS – Verrà rilasciata in mare appena riabilitata. Si tratta della Caretta caretta rinvenuta ieri nel mare di Vado Ligure (SV). Il terzo ritrovamento di tartarughe menomate da attrezzi da pesca avvenuto in questi giorni in Italia.

Nel caso recente di Livorno, la Caretta è stata trovata ormai morta e con una probabile lenza da palamito che fuoriusciva dalla bocca (vedi articolo GeaPress). Avvolta in una lenza da pesca era la tartaruga di Gioia Tauro (RC) recuperata dalla Capitaneria di Porto, proprio all’imbocco del porto (vedi articolo GeaPress).

Innanzi al porto pure la tartaruga di Vado Ligure rimasta impigliata in una rete da pesca e con i segni di un’ampia ferita. La Capitaneria di Porto, avvisata da un diportista, si è subito messa in contatto con il Corpo Forestale dello Stato cui spetta la gestione di tali specie protette. Già in serata, a cura del Servizio Veterinario dell’ASL, il primo soccorso. L’animale è stato “accudito” dal personale della Capitaneria di Porto e dalla Squadra Nautica dei Vigili del Fuoco, che lo hanno mantenuto idratato in una vasca per tutta la notte, fino alla consegna, questa mattina, ai biologi dell’acquario di Genova.

Una volta riabilitata verrà rilasciata in mare all’interno di un’area marina protetta.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati