peschereccio
GEAPRESS – Decisione del Consiglio della UE in favore di restrizioni commerciali in danno al Belize, Cambogia e Guinea. Secondo un comunicato diffuso dal WWF i tre paesi non avrebbero collaborato nella repressione della pesca illegale. In pratica gli Stati dell’Unione Europea sono  ora tenuti a vietare l’importazione di pesce proveniente dai tre paesi oltre che garantire l’inoperatività dei pescherecci comunitari proprio in quelle acque territoriali.

Un nuovo successo del Commissario per gli affari marittimi e la pesca, Maria Damanaki, la stessa che si è battuta per evitare l’aumento delle quote di prelievo del tonno oltre che il mantenimento del divieto di pesca del bianchetto (neonata di pesce) nei paesi mediterranei.

Inizialmente, comunica sempre il WWF, i paesi individuati come potenziali trasgressori, erano stati otto.  Nel 2013 la Commissione aveva però annunciato che le isole   Fiji , Panama, Sri Lanka , Togo e Vanuatu avevano migliorato le potenzialità di repressione. Niente da fare, invece, per Belize, Cambogia e Guinea.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati