GEAPRESS – L’On.le Andrea Zanoni chiede il pugno duro a Bruxelles sulle continue violazioni al divieto di trasportare animali feriti in Europa.

I ricorrenti casi delle mucche a terra in Italia dimostrano quanto il problema sia ignorato – ha dichiarato l’Europarlamentare – Ci vogliono condanne e sanzioni per mettere fine a questa piaga

Quella che viene chiesta è l’apertura da parte della Commissione europea di una procedura d’infrazione nei confronti di quei Paesi membri che si ostinano a non rispettare le norme Ue sul trasporto degli animali. Bovini, suini ed altri animali destinati ai macelli. In particolare quello che non viene rispettato, sostiene nel suo comunicato Zanoni, è il divieto di trasporto di animali feriti.

Per questo Andrea Zanoni, assieme alla collega tedesca Nadja Hirsch, ha presentato una interrogazione, proprio a seguito del fatto che gli Stati membri continuano a mostrarsi sordi alla richieste della Commissione. Per Zanoni, che è anche vice presidente dell’intergruppo Benessere degli Animali, i governi capiscono solo il linguaggio di condanne e sanzioni. “Allora condanne e sanzioni siano“, afferma l’Eurodeputato IdV.

Il divieto di trasportare animali in condizioni di salute precarie vige in Europa fin dal 2005, data di emenazione dell’apposito Regolamento.

Ad una precedente interrogazione di Zanoni, l’ex Commissario Ue alla Salute John Dalli aveva risposto che la Commissione aveva inviato agli Stati membri una lettera sul trasporto di animali non idonei ricevendo informazioni solo da tre Stati membri e che anche queste misure adottate non erano sufficienti. Per questo l’Esecutivo aveva informato Zanoni che sono in programma ulteriori riunioni con le parti in causa “essendo necessari ulteriori interventi in tale ambito”.

Purtroppo i recenti casi di mucche a terra, (l’ultimo dei quali avvenuto a Pastrengo in provincia di Verona) testimoniano, ad avviso dell’On.le Zanoni, come i governi nazionali non stanno affrontando il problema con la dovuta serietà. “Per questo – ha affermato Zanoni – chiediamo alla Commissione europea di avviare il primo passo di una procedura d’infrazione verso tutti quei Paesi che continuano a dimostrarsi indifferenti a questa tortura inflitta agli animali feriti”.

Zanoni (IdV) e Hirsch (liberal democratica) chiedono anche alla Commissione informazioni sull’esito dell’ultimo incontro tra rappresentanti europei e nazionali in merito al trasporto di questi animali tenutosi lo scorso giugno.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati