delfini
GEAPRESS – Secondo l’agenzia di stampa russa RIA Novosti, il Ministero della Difesa ucraino ha comunicato che non utilizzerà più delfini addestrati per i “combattimenti” in mare. L’agenzia, fa riferimento ad una fonte della marina ucraina. L’apposito reparto con i delfini “combattenti”, con sede a Sebastopoli, verrà sciolto il prossimo aprile.

Mistero sulla sorte dei delfini. Le autorità militari non ha ancora deciso sul loro futuro. Potrebbero essere liberati o venduti per un delfinario. Di certo il personale militare verrà trasferito in altri reparti mentre quello civile verrà licenziato.

A quanto sembra il personale civile si sarebbe rivolto al Ministero della Difesa, invitandolo a trasformare la struttura in un centro di aiuto per i bambini con problemi neurologici. Il compito “militare” fino ad ora affidato ai cetacei dopo lungo addestramento, era invece quello di rintracciare le mine nel fondo del mare, oppure attaccare obiettivi  “nemici”. Il centro venne inaugurato dalla marina militare sovietica nel 1960 e venti anni dopo si convertì in parte nell’addestramento di delfini per il soccorso.

Dopo il crollo dell’URSS, la struttura di Sebastopoli venne affidata alla manira militare ucraina. Più volte si erano solevate polemiche sull’uso dei delfini.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati