Faceva lavorare il suo falco allontanando i piccioni dall’area occupata da una ditta di Conegliano (TV). Il falco, però, preferì le più facili galline tenute nel giardino di una casa del luogo.

Quando il falconiere ritrovò il falco aveva la scotola cranica rotta. La proprietaria delle galline aveva così agito e era per questo stata condannata (i fatti risalgono al 2007) a pagare una multa. La donna, però, si oppose asserendo che era stata ferita dal falco nel tentativo di liberare le sue galline. Tesi accolta e per questo è stata assolta.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati