peppa cinghialessa
GEAPRESS – E’ stata chiamata Peppa, la giovane femmina di cinghiale trovata alcuni giorni addietro a Cava de’ Tirreni (SA). Il povero animale, salvato ed ora accudito dai volontari della Lega Difesa del Cane, era stato molto probabilmente percosso (sul corpo sono presenti ferite di tal genere) e poi rinchiuso ancora in vita  all’interno di un sacco (vedi articolo GeaPress).

Forse, la giovane cinghialessa, era stata creduta morta o più semplicemente eliminata una volta bastonata.

Una provvidenziale passeggiata con i cani ha poi rivelato quel sacco semovente ed i lamenti del povero animale. Sembrava, hanno riferito i volontari, che implorasse di non farle del male (vedi VIDEO). Trasferita con le dovute precauzioni presso un ambulatorio veterinario, la cinghialina ha iniziato poi a mangiare ed a bere. Purtroppo, però, a distanza di giorni non riesce ad alzarsi sulle zampe.

La radiografia non ha rivelato fratture ossee. Dunque il sospetto si concentra sempre  più su di un trauma cranico dovuto alle probabili badilate. Questo pomeriggio la Lega Difesa del Cane di Cava de’ Tirreni, ha chiesto un luogo dove potere eseguire la TAC. In poche ore si è già trovato. Peppa, già domani mattina, sarà a Napoli. Intanto, per lei, è arrivato tutto l’amore dei volontari della Lega Difesa del Cane. Materasso antidecubito, copertine e strati assorbenti per non sporcarla.

Peppa, ora, è più tranquilla. In molti, in queste ore, stanno incrociando le dita per lei.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati