Potrebbe essere proprio il Trentino il punto di svolta dell’espansione dello Sciacallo dorato verso i paesi dell’Europa occidentale. L’individuo che più di tutti si è spinto verso ovest, è un maschio ritrovato investito da un auto in Valsugana. Il fatto è accaduto il giorno di Pasqua ed il corpo dell’animale è stato rinvenuto da un cacciatore. Secondo quanto riportato dalla Provincia di Trento, che ha diffuso la notizia, l’espansione del canide verso Slovenia, Austria e Germania potrebbe essere stata favorita negli anni dalla rarefazione del lupo con il quale, evidentemente, entra in competizione.

Proprio in Trentino, però, è stato recentemente osservato un lupo (vedi articolo GeaPress) conseguenza dell’espansione naturale dei lupi appenninici che già da tempo hanno ripreso la loro avanzata occupando i vecchi areali lungo la fascia alpina occidentale. La presenza dello Sciacallo è comunque storicamente segnalata nei paesi dell’Europa orientale dove vive lo stesso lupo. Sempre secondo quanto riportato dalla Provincia di Trento tale convivenza si è espressa con la Sciacallo relegato nelle zone più aride e steppiche, come nel caso della penisola balcanica.

Il primo Sciacallo italiano del quale si ha notizia certa, risale al 1984 ed ha riguardato la provincia di Belluno.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati