tartaruga marina
GEAPRESS – Sono tornate nuovamente libere dopo mesi di ricovero presso il Centro Recupero Tartarughe Marine “Luigi Cantoro” della Riserva di Torre Guaceto (BR).

Si tratta di sei tartarughe che sono state liberate nelle acque dell’Area Marina Protetta.

Cinque esemplari di Caretta caretta e una Tartaruga verde (Chelonia mydas) recuperata settimane addietro sul litorale leccese.

Questi animali, riferisce il Centro di Recupero, sono stati soccorsi in condizioni alquanto precarie. Alcuni di loro erano stretti nella morsa di reti di plastica, uno era stato pescato erroneamente, un altro aveva lenza ed amo aggrovigliati nello stomaco, la Chelonia mydas era fortemente debilitata. Queste tutte circostanze che avrebbero potuto provocare la morte delle tartarughe, dovute tanto all’impatto antropico sul mare, quanto all’inquinamento delle acque.

Durante la degenza presso il Centro di Torre Guaceto, gli animali sono stati curati e sottoposti al programma di riabilitazione, alcuni hanno necessitato di interventi chirurgici assicurati dalla Facoltà di Medicina Veterinaria di Bari convenzionata con il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto per la cura delle tartarughe. Rimesse completamente in forze, gli esemplari sono stati marchiati con targhette metalliche, come sancito dal disciplinare internazionale di monitoraggio della specie, e, con l’arrivo di una giornata meteorologicamente favorevole, sono stati liberati.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati