astici
GEAPRESS – I volontari della LAC richiamano direttamente il Regolamento n. 320 della Città di Torino sul benessere degli animali sottolineando le precise prescrizioni di trattamento dei prodotti della pesca destinati vivi alla vendita all’ingrosso e al dettaglio. “Mantenere gli astici e i granchi vivi sul ghiaccio o le anguille vive in vasche di ridotte dimensioni, non munite di ossigenazione e depurazione è assolutamente vietato – ha dichiarato Perruchon Annacristina della LAC – Queste pratiche purtroppo diffuse devono essere contrastate

Ad avviso della LAC il rispetto di queste norme consentirebbe di evitare potenziali situazioni di maltrattamento degli animali sanzionate penalmente dagli artt. 544 ter e  727 del Codice Penale. Non sempre, però, gli operatori del settore le rispettano. “Gli animali acquatici – aggiungono i volontari – devono essere mantenuti in vasche di dimensioni adeguate, munite di impianto di ossigenazione e depurazione dell’acqua”. I crostacei non devono avere le chele perennemente legate perché questo causa sofferenza e impedisce agli animali di alimentarsi. In particolare lasciare i crostacei agonizzare vivi sul ghiaccio o ammassare pesci vivi in vasche con poca acqua senza impianto di ossigenazione e depurazione può integrare fattispecie penalmente rilevanti.

Eppure, denuncia il comunicato della LAC – nella mattinata di oggi alcuni volontari  hanno rilevato al Mercato Ittico coperto di Porta Palazzo  la presenza di astici e granchi vivi  sul ghiaccio. Poi le anguille detenute in una piccola vasca con poca acqua. Per questo è stato richiesto l’intervento della Polizia Municipale.

Gli Agenti della locale Stazione di Porta Palazzo avrebbero così rilevato situazioni illecite procedendo a fare ripristinare situazioni compatibili con il benessere animale.

L’intervento che ha richiesto non meno di due ore ha portato alla denuncia di tre operatori del mercato per violazione dell’art. 727 c.p. per “detenzioni di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze”.
Il controllo delle modalità  detenzione degli animali nei centri commerciali e nei mercati da parte dei volontari della LAC continuerà nelle prossime settimane.  Un ringraziamento particolare viene indirizzato alla Polizia Municipale della sezione “Porta Palazzo” per l’attenzione e l’impegno evidenziati nell’intervento.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati