simabo
GEAPRESS – Cena di beneficanza (senza ingredienti animali) in favore dell’operato dell’associazione SIMABO attiva a Capo Verde nella difesa degli animali. La cena, che si svolgerà giovedì prossimo presso l’associazione culturale QUBI di via Parma 75/C a Torino, rappresenterà altresì la conclusione di un iniziativa più ampia che ha avuto al centro una mostra fotografica di Chiara Felmini,  Medico Veterinario di Torino che illustra proprio l’operato di SIMABO.

Una iniziativa quella della mostra fotografica, aperta tutti i pomeriggi dalle 15.00 alle 18.00 e che vede esposte 110 fotografie i cui scatti sono stati fatti nel mese di  aprile. I protagonisti sono proprio quelle persone che hanno dedicato anima e corpo agli interventi di SIMABO. In buona parte capoverdiani con alcuni stranieri di varie nazionalità, che ogni giorno tentano di portare un po’ di sollievo nell’oceano di sofferenza in cui versano gli animali di queste isole.

Spesso sentiamo dire che anche in Europa, anche in Italia, ci sono tanti animali che soffrono – riporta il comunicato di SIMABO –  E tante persone dedicate che tentano con ogni mezzo di aiutarli. E’ assolutamente vero. E nessuno è più degno di compassione o di ammirazione degli altri. Ma SIMABO ha un carattere speciale, un’atmosfera che conquista chiunque entri nella sua orbita“.

Forse – aggiungono da SIMABO – per la straordinaria mansuetudine degli animali capoverdiani, o per la straordinaria bellezza dei paesaggi in cui si consumano le loro tragedie, che aiuta ad accettare più fatalisticamente il ciclo di nascita e morte cui sottostanno tutte le forme di vita. Ma anche per l’estrema difficoltà che SiMABO ha ad operare in un paese in cui non esisteva nemmeno un veterinario in grado di sterilizzare una gatta o una cagna, nemmeno un ente preposto ad autorizzare l’importazione di farmaci veterinari, per cui non esistono sul mercato. Come non esiste la possibilità di sottoporre un animale malato o incidentato a un’ecografia, una radiografia, ma nemmeno a un semplice esame del sangue o delle urine o delle feci. Per gli animali non esiste nulla. Gli animali non esistono”.

Per questo SIMABO, grazie all’impagabile aiuto del suo direttore sanitario, dott.ssa Rossana Raineri, ha imparato a lavorare con il nulla, a compiere miracoli comunicando attraverso la voce dell’anima. E’ questa la voce che si sente nelle foto di Chiara Felmini.

Nel corso della cena di giovedì prossimo, anche una lotteria di beneficienza.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati