corallo
GEAPRESS – A vederlo così quasi non sembra il corallo delle forme “classiche” che siamo abituati a vedere in un documentario o, per i più fortunati, direttamente in mare. Eppure si tratta di corallo bianco sequestrato nell’aeroporto di Torino (vedi articolo GeaPress).

L’intervento dei funzionari delle dogane è avvenuto nell’ambito delle attività di contrasto al traffico illecito di specie protette. Sedici pezzi appartenenti alla specie “Scleractinia spp”. Il tutto è avvenuto in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza ed il Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato.

Si apprende ora che il corallo era in possesso di un cittadino italiano proveniente dal Brasile, il quale avrebbe tentato di eludere i controllo doganali.

Per i casi di specie, la Legge 150/92 e successive modificazioni ha previsto una sanzione amministrativa da 1032 a 6197 euro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati