lupo forestale
GEAPRESS – Intervento di polizia venatoria, nello scorso fine settimana, per gli uomini del Comando Provinciale di Terni del Corpo forestale dello Stato.

Una  trentina tra  agenti  e sottufficiali, appartenenti a diverse stazioni forestali del ternano, hanno svolto il loro servizio in  una vasta   zona  del  comprensorio  ternano  compresa  tra  le località  di  Piediluco,  Marmore  ed  Arrone. Si tratta, ricorda il Corpo Forestale, della stessa  area  dove nei giorni scorsi è avvenuta l’uccisione  di un  lupo. Attualmente  sono in corso  le  indagini  per  risalire  ai responsabili del grave atto di bracconaggio.  Tra  gli ambiti  su cui  sono  indirizzate ,  oltre alla categoria  degli allevatori,  per i  danni economici a seguito degli attacchi alle loro greggi, c’è quella  dei cacciatori. Secondo la Forestale  vedrebbero nel lupo un temibile  rivale  alla loro attività  in quanto predatore di cinghiali.

Sono stati controllati complessivamente nelle due giornate  di  verifiche, a partire  dalle prime ore del mattino,  circa  centocinquanta  cacciatori  tra  cacciatori  singoli  e  appartenenti  a  squadre  di   caccia  al  cinghiale,  queste  ultime in  numero  di  quattro.  Controllati  anche cinquantaquattro  autoveicoli.

A seguito delle verifiche accertate  sono state contestate  una  ventina   di  violazioni amministrative per diverse irregolarità  alla  disciplina venatoria ( L 157/92, l.r.  14/94  e  s.m.i. ) tra cui  mancata annotazione  nel  tesserino  venatorio,  mancato  rispetto  delle  distanze previste,  abbattimento  di  capi  di  specie  particolarmente protetta, mancata tabellazione  dei  settori di  caccia  al  cinghiale. Inoltre sono  state  contestate  violazioni alla legge forestale regionale nr.  28/01 per circolazione e sosta fuoristrada dei veicoli e violazioni alla normativa del codice della strada. Sono state elevate  complessivamente  sanzioni amministrative per un importo di  oltre  tremila  euro.

Effettuati  anche  quattro  sequestri  di armi e selvaggina protetta. Si trattava in questo caso dei fringuelli.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati