pesca interna
GEAPRESS – Intervento del Comando stazione  forestale di Taverna il quale, nel corso dei servizi nelle aree a maggior vocazione turistica, è intervenuto  dietro segnalazione in  località Verberano nel Parco nazionale della Sila.

Ad essere state segnalate reti da pesca posizionate nel lago Ampollino.

La prozione del lago interessata, risultava però ubicata  nella zona “ 2” del Parco Nazionale della Sila; due reti da pesca di circa trenta metri ciascuno ben  visibili da lontano per la presenza di galleggianti di colore rosso che fuoriuscivano dall’acqua. Il personale del Corpo forestale dello Stato a seguito di alcuni appostamenti, coglieva in flagranza due uomini di origine romena che stavano procedendo alla raccolta delle reti piene di pesci.

La Forestale ha posto immediatamente sotto sequestro l’attrezzatura utilizzata per la pesca e ha liberato i pesci ancora vivi nelle reti, mentre il pescato ritrovato in un sacchetto costituito da circa 10 Kg di pesci della specie Cyprinus Carpio è stato sequestrato e consegnato al CRAS di Catanzaro.

I due trasgressori sono stati denunciati all’Autorità giudiziaria per la violazione delle norme in materia di aree ambientali protette attraverso l’esercizio illegale della pesca, nonché sono state contestate delle violazioni amministrative alle norme regionali in materia di esercizio della pesca nelle acque interne.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati