Nella serata di ieri è stata verificata la presenza di idrocarburi nello specchio acqueo del porto mercantile di Taranto.

Lo sversamento è stato originato dalla motonave East Castle di bandiera panamense, ormeggiata nel porto di Taranto, vuota di carico. Durante l’attività di svuotamento in mare delle casse di zavorra, contenenti acqua, si è verificata la fuoriuscita anche di carburante.

La Guardia Costiera ha allertato la Società designata per l’attività di antinquinamento portuale che è intervenuta con un battello disinquinante e due rimorchiatori. Intorno alla nave sono state immediatamente posizionate panne assorbenti per un’area totale di circa 500 metri quadri.

Sono state effettuate ispezioni subacquee che hanno escluso la presenza di falle nello scafo. Tecnici dell’ARPA (Agenzia regionale protezione ambiente) hanno effettuato prelievi e campionamenti dell’idrocarburo su richiesta della Guardia Costiera.

E’ in corso un’ispezione da parte della Guardia Costiera che secondo quanto già accertato disporrà il fermo della motonave nel porto di Taranto oltre alla segnalazione all’Autorità Giudiziaria.

Metà del prodotto è stato recuperato dai mezzi antinquinamento. La situazione ambientale è sotto controllo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati