motovedetta carabinieri
GEAPRESS – Intervento dei Carabinieri della Stazione Taranto Principale, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Antisofisticazione e Sanità, sul controllo di diversi venditori ittici ambulanti. L’operazione è maturata nell’approssimarsi del Capodanno, giorno nel quale tradizionalmente si consumano i molluschi.

Nel corso di tali servizi, eseguiti anche nei quartieri Tamburi e Paolo VI del capoluogo, un uomo è stato denunciato in stato di libertà, poiché poneva in vendita circa 45 chilogrammi di mitili, ovvero le note cozze nere. Il pescato è stato ritenuto in cattivo stato di conservazione soprattutto per l’assenza di protezione contro gli agenti esterni.

Nel medesimo contesto, i Carabinieri in servizio sulla motovedetta CC818, in due distinti controlli, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Taranto, due pescatori accusati di raccolta, detenzione e vendita di organismi marini viventi protetti. I due, entrambi tarantini, sarebbero stati trovati in possesso rispettivamente di due chili di datteri di mare e circa 50 chilogrammi di “limoni di mare”, come noto vietati.

Tutta il pescato, pari a complessivamente a 97 chilogrammi, é stato posto sotto sequestro ed avviato a distruzione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati