avorio operazione wendy
GEAPRESS – Un intervento congiunto della polizia della Tanzania e dell’Interpol ha portato nei giorni scorsi al ritrovamento e successivo sequestro di 1,2 tonnellate di avorio illegale.

Stante quanto riportato dall’autorità di polizia l’organizzazione criminale che si pensa fosse interessata al contrabbando delle zanne di elefante sarebbe altresì coinvolta nel traffico di essere umani, droga, immigrazione clandestina, commercio di pietre preziose, armi fa fuoco e veicoli. A questo proposito ad essere stati posti sotto sequestro sono anche dieci automezzi di provenienza furtiva, di cui cinque dall’Inghilterra, tre dal Sud Africa e due dalla Malesia. Trovate inoltre 12 motociclette sicuramente rubate mentre per altre 18 sono in corso gli accertamenti sulla proprietà. Sequestrati in ultimo 83 grammi di eroina, 398 chili di marijuana, 30 chili di khat, un fucile da caccia, 11 pistole di fattura artigianale, 104 fucili. Alla lista si aggiungono prodotti contraffatti come profumi e sigarette.

L’operazione ora comunicata dalle autorità della Tanzania scaturisce dalla strategia concordata nel corso di un meeting tenutosi lo scorso maggio a Matola, nel Mozambico. All’incontro avevano preso parte i rappresentanti dei paesi aderenti al Southern Africa Regional Police Chiefs Co-operation (SARPCCO) and Eastern Africa Police Chiefs Co-operation Organization (EAPCCO).

Nella rete di criminali sono stati individuati ben 43 clandestini che operavano in Tanzania. Si tratta di 18 congolesi, 22 burundesi, due ruandesi e una persona del Kenya.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati