lori lento
GEAPRESS – Una piccolo primate dalle abitudini notturne e dal morso che provoca infiammazioni. La particolarità, però, non l’ha salvato dal colpo di fucile che ha rischiato di ucciderlo.

I fatti sono avvenuti nella foresta di Phetcheburi in Tailandia. Ad occuparsi di lui sono ora gli esperiti dell’ONG Wildlife Friends Foundation Tailandia, più volte intervenuti in aiuto della fauna selvatica in difficoltà. Il Lori lento della Sonda (Nycticebus coucang) impallinato all’interno dell’area protetta è riuscito a salire su un albero tentando di nascondersi. Indebolito è infine caduto in terra. Il colpo di arma di fuoco gli ha attraversato il collo.

Per fortuna la scimmietta dal morso velenoso (il veleno è prodotto da una ghiandola situata nei gomiti e poi portato in bocca dal primate) si trova presso una clinica specializzata gestita dalla stessa ONG che può contare sull’esperienza di altri esperti con base in Olanda.

Il piccolo animale si trova ora in terapia intensiva ma le speranze di poterlo salvare non sono, per fortuna, poche. Se tutto va bene, tornerà in natura.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati