GEAPRESS – Con una lettera inviata al Segretario della Commissione baleniera internazionale, il Governo della Corea del Sud ha formalizzato la decsione di interdire nel suo paese la caccia alle balene.

Informo il Segretario della Commisione – ha scritto il Direttore Generale del Dipartimento della Pesca coreano – che il Governo del mio paese ha deciso di modificare l’iniziale piano di ricerca scientifica sulle balene, utilizzando metodi di ricerca non letali“. Si tratta, in effetti, di una maniera diplomatica per dire che la Corea del Sud non ucciderà più balene. Questo dal momento in cui la Commissione Baleniera internazionale vieta le catture per fini commerciali. Giappone, ma anche altri paesi, le catturano però con l’alibi della ricerca scientifica.

In tal maniera, con la lettera inviata il 4 gennaio scorso, il Governo coreano ha formalizzato quanto già comunicato alcune settimane addietro.  Balene salve, dunque, almeno per quanto riguarda gli arpioni sudcoreani. Rimangono attiviti, però, quelli giapponesi ma anche europei, come nel caso delle balene uccise dalla Groenlandia. Di fatto un protettorato danese.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati