GEAPRESS – Stop Vivisection è molto più di una semplice petizione, è un’opportunità per i cittadini europei di chiedere l’abrogazione della direttiva 2010/63/UE sulla vivisezione e di presentare una nuova proposta che abolisca l’uso della sperimentazione su animali in favore dei metodi alternativi. Per fare questo è necessario raccogliere un milione di firme.

In occasione delle giornate della Leal (lega antivivisezionista) per raccogliere firme per STOP VIVISECTION, gli attivisti di Veg in Campania hanno organizzato diversi banchetti informativi. Il prossimo fine settimana, quindi, per i cittadini Campani ci saranno diverse occasioni per informarsi e firmare.

Il gruppo Veg in Campania, sezione Benevento, sarà presente il 23 marzo in viale Spinelli a San Giorgio del Sannio (BN). Sempre il 23 a Caserta, nel pomeriggio, presso Piazza Dante. Ancora giorno 23 marzo, a Napoli, nella centralissima piazza Dante gli attivisti del gruppo Veg in Campania distribuiranno materiale informativo e sarà possibile firmare la petizione. Altri banchetti informativi saranno allestiti a Torre del Greco, sempre sabato 23 nelle ore pomeridiane, all’ incrocio tra via Roma e via Salvator Noto.

Domenica 24, di mattina, sarà possibile firmare a Castellammare di Stabia,nella bella cornice della villa comunale.

La sperimentazione sugli animali – riferiscono gli attivisti di Veg in Campania – dal punto di vista scientifico, ha dimostrato i suoi limiti da troppo tempo per continuare ad avere ragione di essere, da un punto di vista morale è inammissibile. Questa petizione è la nostra occasione, da cittadini, di cambiare la storia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati