ri fa
GEAPRESS – Trecentocinquanta ricci di mare di nuovo nel loro ambiente. Il tutto grazie all’intervento odierno dei militari della squadra di Polizia Marittima della Capitaneria di Porto di Siracusa, impegnati nella quotidiana attività di contrasto alla pesca illegale.

Il sequestro dei circa 350 esemplari di riccio di mare è avvenuto in località Isola, nel Comune di Siracusa.

A carico del contravventore, siracusano, atteso dalla pattuglia a terra al rientro dall’attività di frodo, è stata elevata una sanzione amministrativa di euro 4000 con il contestuale sequestro dell’attrezzatura subacquea utilizzata. La motovedetta CP323 ha poi provveduto, così come previsto dalle vigenti normative, alla liberazione in mare di tutti gli echinodermi.

La Capitaneria di Porto ricorda ancora una volta come la cattura del riccio di mare, salvo che ciò non sia effettuato in zone e tempi vietati, non può eccedere un limite massimo giornaliero di 50 animali per i pescatori sportivi e 1000 esemplari per i professionisti, senza l’ausilio di autorespiratori.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati