lumache di mare
GEAPRESS – Nuovo intervento di repressione della pesca illegale operato Capitaneria di Porto di Siracusa. Dopo che ieri erano stati posti sotto sequestro 300 ricci di mare in località Targia, alle prime luci dell’alba i militari della squadra di Polizia Marittima hanno effettuato un duplice sequestro a Marzamemi ed all’interno del Porto Grande di Siracusa.

Nel primo caso la Guardia Costiera aveva atteso al rientro, dopo un lungo appostamento, due pescatori sportivi. Al controllo sono stati trovati in possesso di ben 1000 echinodermi. Un quantivativo di gran lunga superiore al consentito che la Capitaneria di Porto ricorda essere fissato in 50 ricci di mare. A carico dei due pescatori si è provveduto alla contestazione di un illecito amministrativo di importo pari 4000 cadauno. Poi il sequestro dell’attrezzatura utilizzata.

Tutti i ricci di mare, ancora vivi, sono stati liberati in mare da personale dipendente, così come previsto dalle vigenti normative.

Poco più tardi, l’attività di vigilanza all’interno del Porto Grande di Siracusa permetteva di individuare un pescatore subacqueo il quale, con l’ausilio di autorespiratori, nei pressi della banchina n°4, violava il divieto di pesca in zona portuale. Sequestrata l’attrezzatura e 10 kg di lumache di mare, veniva comminata una sanzione di euro 1000.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati