richiami vivi
GEAPRESS – Sono stati liberati stamani, alla presenza del Servizio Risorse Faunistiche della Provincia di Siena, quattordici uccelli da richiamo che erano stati sequestrati a cacciatori capannisti.

Si tratta di animali provenienti da diversi sequestri avvenuti nel corso della stagione venatoria. Tra questi una dozzina di Tordi, sia sasselli che bottaccio, e due Allodole. I sequestri si basavano  sulla mancanza degli anelli. Senza il prescritto anellino, che costituisce obbligo di legge e deve essere apposto alla zampa, gli uccelli non possono essere detenuti, supponendone la provenienza illecita.

Gli uccelli in questione erano i cosiddetti “richiami vivi”; prelevati dalla natura per attirare con il loro canto, all’interno di piccole gabbie, altri selvatici a tiro di fucile.

Tutti gli animali hanno ripreso senza problemi il volo. Dopo lunghi mesi passati in gabbiette piccolissime (ove venivano tenuti dai capannisti) sono tornati nel loro ambiente naturale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati