maiali
GEAPRESS – Potrebbe essere stato il sovraffollamento degli allevamenti del comprensorio di Shanghai, a determinare lo smaltimento dei  16.000 suini rinvenuti morti nelle acque del fiume  Huangpu (vedi articolo GeaPress). Il dato sarebbe emerso dopo il controllo documentale compiuto presso le aziende.

Si tratterebbe in particolare di piccoli allevamenti, che avrebbero però rischiato di contaminare l’acqua del fiume che viene prelevata, tra l’altro, anche per usi potabili.

Inizialmente il sospetto si era concentrato sul mercato nero della carne di maiale, a quanto pare sottoposto ad un energico giro di vite da parte dell’autorità di polizia. Un controllo più attento ha però rilevato, come probabile causa, il soprannumero degli animali. Una diminuzione dei maiali negli allevamenti della regione, era stata infatti già da tempo programmata.

La preoccupazione è ora per il futuro. A quanto pare altri ritrovamenti erano avvenuti negli anni passati. Se non risolte le cause che hanno determino tale smaltimento, c’è da temere che il fenomeno verrà a  ripetersi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati