Il killer aveva colpito la settimana scorsa  a Sestri Levante, due cani ed alcuni gatti assassinati in una decina di giorni. Ora si è spostato a Levanto; il veleno sempre lo stesso, bocconi di carne cosparsi di una sostanza capace di colpire il sistema nervoso determinando spasmi tetanici e scialorrea, forse stricnina. I cani, nonostante i soccorsi, sono morti nell’arco di 15 minuti.

Non si conosce il numero dei gatti randagi morti, perchè la zona “inquinata” dai bocconi avvelenati è estesa. E’ possibile che il veleno sia stato sparso per uccidere i gabbiani; in ogni caso il fatto è grave e va immediatamente contrastato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati