pesce spada
GEAPRESS – Nel corso dei controlli settimanali presso il mercato ittico all’ingrosso di Savona, il nucleo pesca della Capitaneria di Porto ha intercettato, questa mattina all’alba, un carico di prodotti ittici provenienti dalla Spagna e diretti a diversi grossisti nazionali.

Dalla verifica dei documenti di accompagnamento del pescato e  dal controllo visivo del medesimo, si è avuto modo di sospettare che si trattasse, almeno per gli esemplari di pesce spada, di prodotto sotto misura.  Il cosiddetto novellame, riferisce la Capitaneria di Porto, ovvero pesce che non ha ancora raggiunto le dimensioni di età adulta previste dalla normativa italiana e comunitaria.

Il personale della Capitaneria, che agiva in stretta collaborazione con il veterinario dell’Asl 2 Savonese, ha proceduto alla misurazione dei pesci presunti sotto misura in contraddittorio con l’autotrasportatore spagnolo, rilevando che effettivamente uno di essi risultava di taglia (peso e lunghezza) inferiore a quella prevista dalla normativa vigente.

E’ scattata pertanto la segnalazione all’autorità giudiziaria, la quale, nella persona del Sostituto Procuratore di turno, ha autorizzato il sequestro del pesce spada e la distruzione del medesimo mediante devoluzione in beneficienza  alla Caritas diocesana.

I controlli della Capitaneria di Savona continueranno nelle prossime settimane, indirizzati non solo ai pescatori e rivenditori locali, ma a tutta la filiera della pesca, nella quale rivestono un ruolo sempre più importante i prodotti provenienti anche dall’estero; in tal modo si cerca di garantire uguaglianza di trattamento nei confronti di tutti i soggetti presenti sul mercato stesso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati