piccioni morti
GEAPRESS – Nuovo avvelenamento di colombi in centro città a Savona. A dare comunicazione della morte di alcune decine di piccioni è l’ENPA cittadina che denuncia come questa volta, dopo dolorose agonie, la tragedia si sia consumata in via Forni.

Ora il comune dovrebbe intervenire per vigilare e bonificare, come obbliga un’ordinanza del Ministero della Salute” – riporta nella sua nota la Protezione Animali che denuncia, però, la mancata applicazione.

L’ENPA punta  le sue critiche sulle proposte regolamentative comunali che penalizzerebbero chi si occupa di animali a tutto vantaggio della piccola ma attiva minoranza che odia cani, gatti e colombi. Oltre all’avvelenamento di ieri in città si sono infatti intensificate le minacce e intimidazioni a danno delle “gattare”.

L’ENPA ricorda inoltre le Ordinanze comunali che impongono ai proprietari di palazzi di impedire con appropriati sistemi la nidificazione, la sosta e l’ingresso dei volatili negli edifici. Ogni tanto invece i colombi riescono ad entrare a palazzo Sisto, tra reti di dimensioni inidonee o lesionate, rimanendovi intrappolati ed a volte morendovi miseramente; e gli impiegati, alcuni impietositi e altri disgustati, chiedono proprio ai volontari dell’ENPA di andarli a recuperare ma a volte le operazioni sono impossibili, viste le dimensioni e le altezze dei locali; l’associazione ha quindi più volte chiesto al comune di sigillare correttamete le aperture da dove entrano ma fino ad oggi non c’è stata risposta!

Il Comune – conclude la sua nota l’ENPA – insiste nel prescrivere il divieto assoluto di dare cibo  ai colombi in ogni parte della città, malgrado la proposta dell’ENPA di disciplinarlo in zone idonee, per impedire la diffusione come ora sta accadendo“.

Ad ogni modo, la popolazione dei piccioni sta diminuendo a causa della presenza crescente di gazze, che si cibano delle loro uova; il “problema” dei colombi, irrisolto a causa dell’incapacità e dell’assenza di progettualità della pubblica amministrazione, forse sarà ridimensionato da Madre Natura !

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati