cannaiola
GEAPRESS – Dovrebbe vivere nei canneti dei corsi d’acqua e nutrirsi di insetti. Ed invece, tra i 135o soccorsi della fauna selvatica che l’ENPA di Savona annovera nel 2013,  c’è ora una cannaiola ferita. E’ stata rinvenuta  in un portone di un palazzo del centro città. I volontari della Protezione Animali, hanno così disposto il soccorso non senza sottolineare una nota polemica nei confronti della Provincia alla quale, per legge, spetterebbe il compito.

Come tutti gli altri animali, anche la cannaiola verrà curata e, completata la riabilitazione, rimessa in libertà nel vicino torrente Letimbro. Proprio da tale corso d’acqua l’ENPA di Savona pensa sia arrivata la piccola cannaiola.   Qui, probabilmente, avrà costruito il nido, forse occupato da un “intruso”. In questo caso si tratterebbe del Cuculo la cui femmina usa deporre l’unico uovo in un nido di un uccellino ben più piccolo delle sue stesse dimensioni.

Deposto l’uovo lo abbandona ma del pulcino si prenderanno cura i “legittimi proprietari” del nido. Una volta nato, il piccolo cuculo, getterà fuori dal nido uovo o pulcini dell’uccellino che lo ospita, fino a diventare l’unico enorme pretende del cibo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati