gabbiano comune
GEAPRESS – Provvidenziale intervento dei Vigili del Fuoco per salvare un giovane gabbiano reale rimasto appeso per una zampa al “solito” micidiale filo da pesca su un tetto di via Corosu a Varazze (SV). A darne comunicazione è l’ENPA di Savona che già nel passato ha messo in evidenza il pericolo arrecato dagli arnesi da pesca abbandonati.  Probabilmente, precisa la Protezione Animali, uno dei genitore aveva portato un pesce abbandonato o perduto assieme all’amo ed al filo dal solito pescatore sportivo maleducato.

Per recuperare il povero gabbiano è stata necessaria la gru dei Vigili del Fuoco. Una volta liberato  è stato consegnato per le cure ai volontari della Protezione Animali savonese. Nello stesso giorno i volontari avevano  soccorso una nidiata di gabbiani comuni (nella foto) nella centrale Tirreno Power di Vado Ligure, in cui erano caduti da un nido situato su uno degli edifici.

Nei soli primi 10 giorni di giugno i volontari hanno ricoverato 80 animali selvatici feriti, in difficoltà o nidiacei, 201 a maggio, 550 da inizio anno. Un impegno, anche economico, immenso per un’associazione privata di volontariato e per i suoi sempre pochi aderenti, alle prese con turni massacranti. Un’attività che dovrebbe invece essere svolta da Regione e Province; ma in una situazione estrema come quella in cui operano, i volontari dell’ENPA lamentano anche l’assenza di solidarietà e di aiuto concreto da parte di troppe persone che si proclamano animaliste ma lo sono solo a parole.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati