strolaga minore
GEAPRESS – Un uccello dalle frequentazioni poco mediterranee, almeno nel periodo della riproduzione. La bella Strolaga minore era però divenuta vittima indiretta di una rete da pesca. Tuffatasi verosimilmente in prossimita del porto di Andora (SV) è rimasta intrappolata rischiando così di annegare.

Per fortuna la segnalazione pervenuta all’Ufficio marittimo locale, ha evitato il peggio. La Strolaga minore, infatti, è stata soccorsa dai volontari dell’ENPA. Dopo un breve terapia, l’animale è ora  tornato in mare.

E’ andata invece molto peggio ad un Gabbiano reale, rimasto gravemente ferito a seguito di quello che l’ENPA definisce la “solita micidiale esca artificiale a forma di pesce, abbandonata o perduta dal solito pescatore maleducato“. Il ritrovamento del Gabbiano ferito è avvenuto nella spiaggia di Noli (SV). Purtroppo i numerosi ami e la lenza gli hanno devastato il becco, la testa e le ali, altre che le zampe. Di fatto è rimasto immobilizzato e ridotto ad un ammasso di penne sanguinanti.

Per lui, riferiscono i volontari dell’ENPA che lo hanno in cura, ci vorrà molto tempo per il recupero.

Pessimo, invece, l’esito per un limicolo soccorso sempre nella  spiaggia di Noli durante lo scorso mese. Una rara pivieressa vittima di un altro pesce finto. Malgrado le cure dei volontari, è morta.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati