Martedì 10 luglio 2012 presso la Residenza d’Italia a Bucarest, Sara Turetta verrà insignita dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia. Si tratta della prima attivista per i diritti degli animali a ricevere il prestigioso riconoscimento conferito in quanto “Sara Turetta costituisce una figura di assoluto rilievo nel movimento animalista in Romania. Mediante la sua opera e le sue battaglie civiche, ha contribuito in maniera sostanziale alla diffusione di una cultura animalista nel Paese, battendosi per i diritti degli animali e denunciando con forza ed efficacia gli abusi perpetrati contro di essi.”

L’onorificenza è concessa direttamente dal Presidente della Repubblica Italiana ed è dedicata “a quelle personalità che si sono distinte per la loro vicinanza al nostro Paese e per l’attaccamento mostrati nel segno dei più alti valori sociali di convivenza e solidarietà”, come indicato nella la comunicazione dell’ Ambasciatore d’Italia a Bucarest.

La cerimonia di consegna avverrà nell’ambito di una cena di beneficenza in favore delle popolazioni emiliane colpite dal terremoto e del Comitato Italiano delle Associazioni e ONG italiane in Romania, di cui Save the Dogs è membro.

Quando ho ricevuto la comunicazione da parte dell’Ambasciatore Cospito – spiega Sara Turetta – sono rimasta davvero colpita e commossa dalla notizia. Non solo perché è un grande onore essere insignita di un tale riconoscimento ma anche perché attraverso di esso viene celebrato il valore di chi si occupa della sofferenza degli animali. Inoltre – continua la Presidente di Save the Dogs – il fatto di ricevere l’onorificenza proprio a Bucarest assume un significato davvero particolare per me. Sono dieci anni che lavoro in Romania: qui ho amici e collaboratori ed è un Paese che amo profondamente.”

Save the Dogs and Other Animals opera nel sud-est della Romania ed oltre ai centri dedicati agli animali, gestisce progetti di educazione nelle scuole e il primo programma di pet-therapy con gli asinelli dedicato ai bambini disabili del Centro Don Orione di Bucarest.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati