squalo elefante
GEAPRESS – Una giovane femmina di squalo elefante, impigliato nelle rete di un pescatore nel mare di Santa Teresa Gallura (OT). Ne da comunicazione il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Madallena che riporta altresì come la cattura sia stata accidentale.

Lo squalo, del tutto innocuo per l’uomo, è rimasto impigliato a circa quindici metri di profondità. Pesava 62 chilogrammi ed era lungo oltre due metri e mezzo. Nel momento in cui la rete è stata tirata, lo squalo era già morto.

Secondo il Parco Nazionale in questo periodo  la parte settentrionale della Sardegna è interessata dalle migrazioni di tali animali. Purtroppo, molto spesso, finiscono per essere catturati accidentalmente dai pescatori.

L’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena partecipa da un paio di anni al progetto Progetto Sharklife dedicato alla conservazione degli squali e dei pesci cartilaginei, con il quale si intendono realizzare azioni concrete per la loro salvaguardia attraverso la riduzione della mortalità causata dalla pesca professionale e sportiva.

Tra le iniziative in cantiere anche un dispositivo in grado di segnalare al pescatore la presenza nelle reti di un animale di grandi dimensioni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati